mercoledì 25 giugno 2014

Accomodati!

Offrire una sedia è riconoscere un valore speciale alla persona che vorremmo sedesse accanto a noi...

Personalmente amo le sedie spaiate. L'idea di sedie uguali mi fa troppo salotto borghese e la trovo una soluzione banale. Riuscire, invece, ad assemblare stili e materiali diversi con armonia, riconsegna carattere ad ogni ambiente allontanando subito lo spettro dell'anonimato. E se, come me, avete la passione per i mercatini vintage, sappiate che è possibile scovare sedie decisamente interessanti anche da ri-dipingere o customizzare, a seconda della propria indole, e magari da affiancare a sedute di design creando un cortocircuito che potrebbe stupirvi.


 
Maison Du Monde rilancia Pierre Guariche, storico designer anni '50-'60. Tra le più belle:



Tulipe





Coquillage (esiste in molti colori, qui è  grigio antracite)






Originale del 1953,  sempre di Pierre Guariche, la  splendida Vampire Chair:








Da Maison Du Monde, comunque, si trovano molte altre sedie versatili ed adattabili ad ogni spazio:


Multipl's (rifacimento delle vecchie sedie di ferro francesi)






stesso dicasi per la celebre Télégraphe




Factory






Wagram






Il mito di Michael Thonet (che a metà dell'800 curvò il legno con il vapore creando sedie dalle forme sinuose e serpeggianti) meriterebbe un intero post...ma intanto:


Wiener Stuhl






Rondò ST












Naturalmente anche mamma Ikea sa come accontentarci:


Vilmar






Esbjorn




PS







Un po' di modelli vintage











La Vintage American Car Plates di Nicola Rota per la Galleria Tallulah








Le D-Light di Francesca Landi






La Capitello Corinzio di Fornasetti








Le Concrete di Jonas Bohlin Kallemo







 

 Gamera Chair di Calligaris





 
La Jujube di Chairs & More










La Solitar di John Kandell


 



 E... loro... le Kartell: oramai un definitivo cult:


Louis Ghost (ce l'ho anche io ed è indistruttibile, oltre che bellissima)







Victoria Ghost





Masters






Masters Stool






Un po' di Link:








El.




2 commenti: